Positano        Praiano        Furore      Conca dei Marinii    Amalfi           Atrani          Agerola           Ravello          Maiori            Minori          Cetara            Scala       Vietri sul Mare   Tramonti

MENU


» Positano
» Praiano
» Furore
» Conca dei Marini
» Agerola
» Amalfi
» Atrani
» Ravello
» Scala
» Maiori
» Minori
» Tramonti
» Cetara
» Vietri sul Mare

»
»

»
»
»
»
»




SERVIZI

» Siti di interessi, info Positano

» Aggiungi la tua struttura

» Web Designer, creazioni siti web


Design by Gio&Vi


 

OFFERTE SPECIALI - LAST MINUTE IN COSTIERA AMALFITANA Offerte pacchetti vacanza della settimana e last minute in Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina

La Costiera Amalfitana comprende le zone litoranee che vanno, a partire da sud  Vietri sul Mare fino a Positano più altri paesi appena a ridosso, lungo un percorso di oltre 40 km. La Costiera Amalfitana è denominata anche Costa d'Amalfi, Divina Costiera e Amalfi Coast. I Comuni sono: Vietri sul Mare, Cetara, Maiori, Minori, Tramonti, Ravello, Scala, Atrani, Amalfi, Agerola (l'unica in provincia di Napoli, ma da considerarsi paese storicamente e geograficamente appartenente alla Costiera Amalfitana), Conca dei Marini, Furore, Praiano e Positano. La Costiera Amalfitana,  nel 1997 è stata inserita tra i “Paesaggi Culturali” che l’UNESCO considera “Patrimonio dell’Umanità” poiché rappresenta “uno straordinario esempio di paesaggio mediterraneo con eccezionali valori culturali e naturali derivanti dalla sua difficile topografia e da un processo storico di adattamento compatibile operato dalla comunità, esempio brillante di uso intelligente delle risorse”. La Costiera Amalfitana è stata abitata sin dalla notte dei tempi, vari siti dai resti preistorici testimoniano ciò, anche se nel periodo preistorico dell'avvento dell'agricoltura la Costiera era quasi o totalmente disabitata, successivamente come civiltà importanti sono stati per primi gli Etruschi a Vietri sul Mare e poi gli Antichi Greci. Il massimo splendore della Costiera si è avuto in epoca dell'antica Roma dove in varie località i patrizi romani decidevano di stabilire la loro residenza, cosicchè numerose ville sono sparse un po' in tutta la Costiera; successivamente un secondo periodo di importanza storica si è avuto con la Repubblica di Amalfi, Repubblica Marinara assieme a Pisa, Genova e Venezia, storia che tuttora viene rivissuta ogni anno con una famosa Regata, storica manifestazione folkloristica famosa in tutto il mondo.
La Divina Costiera è una delle località turistiche più ambite del mondo, basta citare Positano, Amalfi, Ravello, luoghi dalle superbe bellezze paesaggistiche, oltre che scrigni colmi di storia, I paesi della Costiera Amalfitana sono meta otre che di turisti, anche di artisti, sia di persone in cerca di mare sole e pace che di giovani alla ricerca di divertimento e vita notturna.
In ogni località della Costiera Amalfitana è difficile viaggiare con sguardo imparziale: si giunge in questi luoghi carichi di aspettative create ed alimentate da passate esperienze di generazioni di viaggiatori e di racconti, dalle creazioni degli artisti, dalle raffigurazioni e in ultimo dalle numerose foto che circolano sul web da visitatori estasiati dalle bellezze naturali che questi posti offrono. «Non c'è mai stato niente di più bello sulla terra» si entusiasma in un monologo il protagonista della Politische Novelle di Bruno Frank (1928), alludendo al panorama sul golfo di Salerno che si può ammirare da Ravello. Oggi simili immagini non vengono indirizzate solo dalla letteratura, dai dipinti, dalle arti figurative in genere: alla diffusione dell'immagine locale contribuiscono le riviste, i documentari, i dépliant, il gossip, le reti della comunicazione globale. Mezzi potenti e pervasivi, che sempre più creano aspettative e motivazioni, suggeriscono approcci, influenzano atteggiamenti. E tuttavia, i visitatori continuano ad essere influenzati anche dal giudizio dei propri predecessori: viaggiatori vicini o lontani per periodo storico di appartenenza, per provenienza geografica e formazione culturale. Spesso viaggiatori famosi, veri osservatori d'eccezione. Le prime forme di turismo in Costiera Amalfitana risalgono al lontano passato, precisamente al I° secolo d.C., quando secondo il geografo Strabone la costa era ancora incontaminata e disabitata: a questo essa doveva il proprio aspetto "divino". L'unico centro abitato era "Marcina", che secondo alcuni corrisponderebbe alla zona di Vietri sul Mare. Già allora, la Costiera era meta preferita dai nobili che incantati dai luoghi iniziavano a costruirvi sontuose ville marittime. Erano gli albori di quello che alcuni definiscono «turismo imperiale». Tutto ciò è provato dai numerosi ritrovamenti archeologici, tra i quali spicca la Villa Archeologica Marittima Romana situata a Minori e scoperta per un caso fortuito nel 1932 oppure alla ancor poco nota (perchè quasi interamente sommersa dai lapilli dopo l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.) Villa Romana sottostante la Chiesa Madre di Positano. Nel centro di Amalfi è stato ritrovato un ninfeo romano risalente al I° secolo d.C., con ogni probabilità un tempo collegato ad un'altra villa. La presenza di ville rustiche è stata riscontrata nelle località Polvica, Cesarano e Pietre di Tramonti, nonché a Ravello. La maggior parte di queste ville, tanto marittime quanto rurali, fu ricoperta dal materiale lavico eruttato nel 79 d.C. e trasportato a valle dalle piogge e dalle alluvioni. Fu solo molto tempo dopo che le stesse incantevoli zone tornarono ad affascinare personaggi del calibro di Boccaccio, che nel Decameron le esalta come le più dilettevoli parti d'Italia: la Costiera divenne così lo scenario della novellistica trecentesca e rinascimentale. Nuova fama le derivò in tutta Europa per aver fornito lo sfondo alla tragedia della duchessa di Amalfi, come patria dell'inventore della bussola Flavio Gioia (secondo altri, personaggio nativo di Positano) e, più tardi, del celebre capopopolo Masaniello. Il viaggio vero e proprio si inaugurò tuttavia solo con l'avvento del periodo romantico e precisamente con il Grand Tour sette-ottocentesco, del quale l'Italia divenne tappa e meta privilegiata. All'epoca, nonostante già esistessero produzioni artistico-letterarie ispirate alla Costiera, essa non era ancora del tutto nota, la scoperta del nuovo, l'incontro con l'antichità e le bellezze paesaggistiche. Tali motivazioni erano destinate a rafforzarsi sul finire del XVI° secolo grazie agli stimoli derivanti dalla nuova temperie culturale, cui contribuivano ricerche scientifiche e gli interessi archeologici suscitati dai ritrovamenti di Paestum, Pompei, Ercolano. Terminata la fase dei viaggi di formazione che avevano connotato il Tour nella prima metà del '700 subentrano sentimenti e atteggiamenti nuovi, che trovano il proprio spazio nelle mutate prospettive che animano la presenza del Winckelmann in Italia nel 1755, dello Sterne che nel 1768 pubblica il suo Sentimental Journey, dello Swinburne giunto nel 1777 sulla costa d'Amalfi e, soprattutto, di Johann Wolfgang von Goethe. Affermatosi e rafforzatosi sotto la cortina del Romanticismo con osservatori del calibro di Gissing, Lear, Strutt, Leonormant e Gregorovius e spingendosi fino a Douglas, il nuovo atteggiamento ha condotto ad una nuova connotazione del viaggio, che trova ora nel fascino della natura e dei paesaggi la propria principale ragione di essere. Tra gli aspetti storici, artistici e antropologici, il paesaggio diventa prioritario nel richiamare l'attenzione dei viaggiatori sulla Costa d'Amalfi. È a contatto con il paesaggio ricco e variegato di questi luoghi incontaminati e suggestivi, esplosivi per la luce ed i colori che li avvolgono e al tempo stesso solidariamente implosivi in certi angoli frastagliati e rocciosi, che il viaggiatore si trova a cavalcare il sentimento di un'empatia con la natura, viatico per quel ritrovamento dell'Io che è sentiero battuto e ricercato da tanta cultura romantica. La Costiera Amalfitana - tra l'altro piuttosto isolata prima della costruzione della strada voltuda dal Re dei Borboni che oggi va da Vietri a Positano - venne davvero scoperta solo a partire dalla fine del XVIII secolo, quando l'immagine del vagheggiato e ricercato paesaggio ideale assunse i tratti di un paesaggio puro, nativo, selvaggio. In questo senso, il vantaggio della Costiera Amalfitana consisteva nella capacità di offrire, concentrata in poco spazio, una molteplicità e varietà di ambienti che spaziavano dal mare agli scogli a picco, alle valli isolate, alle cascate, alle alte montagne. A completare tutto ciò vi erano le antiche torri diroccate lungo la costa, un tempo luoghi di guardia contro le incursioni di pirati che andavano a formare un tutt'uno che arricchiva il paesaggio del fascino e della suggestione della storia. E questo destava un romantico rimpianto per i tempi passati, richiamando alla memoria il tempo fugace e la caducità delle cose umane. L'insieme delle bellezze paesaggistiche era stato colto benissimo e testimoniato già nei primi anni del Settecento dall'illuminista Algernon Charles Swinburne, che parlando di Maiori scriveva: «... Le parti più alte delle montagne che racchiudono questa valle sono ricche di querce sempreverdi di una taglia minuscola; il sottobosco copre i fianchi, viti e giardini pensili di alberi di arancio riempiono la regione inferiore ...». È senza dubbio la visione attenta di un naturalista, priva ancora di anelito spirituale ma pronta a darsi come espressione di una sopraggiunta consapevolezza dei luoghi visitati. Diverso sarà l'approccio preromantico apertosi tra le categorie del Sublime e del Pittoresco, che mirerà a mostrare i segni di un rinnovato modo di guardare la natura, le cose, i luoghi. Si tratta di una partecipazione emotiva ad un presente ricco e pulsante contrario ad ogni immobilismo temporale, che solo nella seconda metà del secolo finirà talvolta per scadere nella reiterazione di se stessa, nell'abuso della memoria e dei luoghi comuni sedimentati. È proprio questo nuovo approccio che per tutto l'Ottocento contribuisce ad incrementare, diffondere e radicare il mito della Costiera Amalfitana, fino ad includerla tra le pagine di un'industria culturale che inevitabilmente ne trasforma l'immagine in topos. A partire dal Settecento si registrano, nell'ambito dei resoconti di viaggiatori animati da motivazioni, interessi e finalità differenti, numerose testimonianze di viaggio che hanno per oggetto la Costa. Un esempio è dato da quanto scrive il barone Richard Keppel Crafen, che nel 1818 si inoltra a Sud della capitale e così ricorda il suo viaggio: «Ero stato così tante volte a Salerno che preferii trascorrere la notte a Vietri, una cittadina lontana circa un miglio. Per la sua magnifica posizione e salubrità della sua aria è una delle più belle residenze estive nelle vicinanze di Napoli, anche se generalmente le viene preferita Castellamare». Come si è detto, la Costiera deve la propria vera scoperta all'epoca romantica e alle sue categorie estetiche: solo all'inizio dell'Ottocento diventa un luogo che merita di essere visitato. Anche se ancora difficilmente accessibile, nel giro di pochi decenni la striscia presso il golfo di Salerno diviene una delle mete meridionali più ambite tra gli scrittori, i paesaggisti, i pittori, gli architetti e tutti gli altri viaggiatori provenienti dall'intera Europa. A testimonianza di questo vi sono i numerosi dipinti che ritraggono la veduta dal convento dei Cappuccini o la valle dei Mulini, e non vi è pinacoteca importante da Oslo a Innsbruck, da Parigi a San Pietroburgo che non conservi nelle sue collezioni un angolino della Costiera Amalfitana. Soggetti preferiti dagli artisti sono i fondali chiari, gli scogli a picco, la costa frastagliata, gli anfratti, le cascate di case dai colori pastello, tutti elementi di un paesaggio solitario e affascinante. L'individuo si ritrova in questo paesaggio selvaggio ed effettua una ricerca introspettiva, va alla ricerca di se stesso nella natura che lo circonda ed è proprio in questa che scopre la propria solitudine e assapora lo struggimento romantico. Amalfi e gli altri piccoli borghi della Costa diventano il luogo ideale, un romantico locus amoenus che sembra fatto apposta per accogliere simili stati d'animo. Nella seconda metà dell'Ottocento si sviluppano nuovi modelli culturali: l'orientalismo, l'esaltazione del mondo moresco, del suo esotismo e della sensualità pagana, e tutto ciò comporta una ridefinizione degli interessi dei viaggiatori stranieri. Ora è soprattutto Ravello ad affascinare i visitatori con le sue architetture arabo-normanne. «Ad un tratto, in mezzo a queste rocce selvagge, ci trovammo dinanzi ad una città moresca che con le sue torri e case dai fantastici arabeschi offriva un aspetto completamente arabo»: così Ferdinand Gregorovius descrive Ravello nelle sue Passeggiate in Italia. La gente del posto aveva imparato velocemente a soddisfare le richieste e le aspettative dei turisti. «Signora [...] you would not leave without seeing the Moorish Castle»: con queste parole, nel 1858, la scrittrice inglese Julia Kavanagh viene assillata dal suo cicerone Luigi Milone per continuare la passeggiata attraverso Ravello. Il "Moorish Castle" non era nient'altro che la medievale Villa Rufolo!". La Divina Costiera così diviene meta dei turisti attratti dal suo aspetto orientaleggiante e viene percepita e considerata come un luogo di sensualità e seduzione, sede di inquietanti mondi onirici evocati dall'inconscio. Il tedesco Parsifal, cavaliere del Santo Graal, incontra la seduzione erotica proprio a Ravello "giardino magico di Klingsor"; il francese Michel, l'asceta calvinista dell'Immoraliste di Andrè Gide, scopre sotto il sole ravellese i piaceri della carne e dell'immortalità; e l'inglese Eustace, il bel ragazzo della Story of a Panic di E.M. Forster, cade vittima tra i castagneti di Ravello del fascino mortale del grande Pan. A portare la conoscenza l'importanza turistica della Costiera Amalfitana venne poi la costruzione della SS 163, che collega Vietri sul Mare a Positano e che venne completata solo nel 1853. La statale è un capolavoro di ingegneristica, una delle strade più straordinarie d'Italia, perfettamente incastonata nella roccia e tutt'oggi insostituibile arteria di collegamento. Prima della sua costruzione, quanti volevano raggiungere la Costiera dovevano prendere una barca da Vietri fino ad Amalfi, dove non era nemmeno possibile attraccare e si veniva quindi trasportati sulla terraferma sulle spalle dei rematori, oppure accedere, sempre via mare dalla Costa Sorrentina. La costruzione della strada ruppe l'isolamento, facilitando e incoraggiando l'arrivo dei numerosi forestieri. Anche se attraverso il riflesso del "già visto", la fortuna turistica della Costa d'Amalfi continua e arriva fino all'inizio del XX secolo. L'immaginario novecentesco trasformerà il viaggio in Costiera in un'avventura moderna, rimodellando il dialogo con questi luoghi nelle forme di una nuova percezione estetica. È dunque un campionario di visioni, quello derivato dalle osservazioni di letterati, disegnatori e pittori, a presiedere alla diffusione del mito della Costa d'Amalfi. Le testimonianze e le frequentazioni degli artisti concretizzano l'immagine del viaggio contribuendo tra l'altro ad incentivare l'interesse per la natura, vista non più come natura ideale ma come forma reale, concreta del paesaggio. Se quindi nella seconda metà dell'Ottocento si era diffusa l'attrazione per il viaggio inteso come mezzo conoscitivo e creativo, nella prima metà del Novecento comincia a svilupparsi, dapprima limitatamente all'élite e coinvolgendo in seguito anche gli strati sociali meno facoltosi, un vasto movimento di persone animate da motivazioni sempre più ispirate all'edonismo. Nei primi anni del XX secolo, accanto alle immagini di un Sud "romantico" e "orientale" compaiono quelle di un Meridione "cosmopolita", legate soprattutto ad una precisa località della Costiera: Positano. Allora quasi spopolata dalle emigrazioni, Positano deve la propria iniziale scoperta ai turisti che soggiornavano a Capri e al loro passaparola, il cui scopo principale era quello di evitarsi a vicenda. Infatti, nel marzo 1902 Paul Klee scrive in una lettera alla famiglia: «Darei la preferenza a Positano rispetto ad Amalfi perché non è troppo affollata». Negli anni Venti e Trenta il piccolo, semplice villaggio di pescatori ancora del tutto estraneo ad ogni forma di mondanità diviene un luogo di forte attrazione per artisti, scrittori, dissidenti politici, edonisti e stravaganti di mezzo mondo in cerca di fortuna. Pittori come Fortunato Depero, Carlo Carrà, Adolf Erbslöh, Richard Seewald, Kurt Craemer o Mauritius C. Escher sviluppano i propri linguaggi artistici traendo ispirazione dall'architettura e dal paesaggio della Costiera. Walter Benjamin, Siegfried Kracauer ed Ernst Bloch, che arrivano a Capri e Positano nel 1924, scoprono nella "luminosa inquietudine" del Sud la legge della "porosità". Nel periodo nazionalsocialista Positano si trasforma in un rifugio per gli rifugiati politici, che come scrisse Stefan Andres volevano «nascondersi per un paio d'anni ai margini della storia sottraendosi alle sue sfide», e che di quella storia divennero invece parte. La fama turistica di cui Amalfi godeva già nell'Ottocento fece sì che la cittadina disponesse già intorno alla fine del secolo di ben sei alberghi (spesso completi in alta stagione), con un numero complessivo di circa 230 posti letto. Si ha dunque un rapporto di 1:22 tra il numero di posti letto alberghieri e la popolazione residente: un rapporto stupefacente per l'epoca, che dimostra l'importanza economica assunta dal turismo in una località che dal Settecento registrava un declino inarrestabile della produzione manifatturiera, un tempo la principale attività economica locale. «Per quanto Amalfi sia ancora davvero povera e miserabile, gli alberghi sono in grado di offrire anche agli ospiti più raffinati tutte le comodità degli alberghi di prima categoria. Il turismo, particolarmente intenso in inverno e in primavera, è la principale fonte di guadagno della cittadina» scrive nel 1896 Woldemar Kaden, professore alla scuola tedesca di Napoli._7 Nello stesso periodo, Ravello offriva 3 alberghi con circa 90 posti letto e Positano 2 piccoli alberghi e pensioni, che salirono a 5 a partire dagli anni Trenta. Non esistevano altre località dotate di strutture alberghiere: solo negli anni Venti compaiono un albergo a Praiano e uno a Maiori. Il numero complessivo di posti letto in Costiera ammontava a circa 500, situazione che sarebbe rimasta inalterata fino alla Seconda Guerra Mondiale. Si dispone di pochi dati per stabilire quale fosse la durata media dei soggiorni. Da una consultazione del Registro degli ospiti dell'Hotel Caruso di Ravello si è ricavato per l'anno 1908 un periodo medio di soggiorno di 5 giorni, che corrisponde esattamente a quello del 1990. Già nell'Ottocento sembrerebbe quindi piuttosto diffuso un certo turismo veloce e di passaggio, simile a quello caratteristico dei giorni nostri. Nei decenni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, quando in Europa cominciò a diffondersi il "turismo di massa", iniziò anche in Costiera una nuova fase turistica destinata a produrre radicali mutamenti nella situazione locale. Fino alla fine del secondo conflitto mondiale il turismo si era concentrato soprattutto ad Amalfi, Ravello e Positano (quantitativamente in quest'ordine). Negli anni immediatamente successivi la situazione cambia, perché iniziano ad affacciarsi timidamente anche le altre località: Maiori, Praiano, Minori, Vietri, Conca, Cetara, Scala e Furore (in quest'ordine per numero di pernottamenti). Si aggiungono poi Atrani e infine Tramonti, dove solo recentemente sono state aperte alcune aziende agrituristiche. La connotazione turistica di una regione è sempre strettamente legata all'evolversi dei paradigmi estetici e dei modelli culturali dei visitatori. Ciò è vero anche per lo sviluppo successivo al 1945. Infatti, in questo periodo sono ben evidenti e riconoscibili i gusti e le nuove preferenze delle generazioni del dopoguerra, prima fra tutte il mito più celebre e amato del moderno turista di massa: la spiaggia. È proprio alla trasformazione degli interessi dei turisti che deve la propria scoperta e rivalutazione un centro come Maiori, che con le sue spiagge ampie e comode incastonate nella costa altrove alta e rocciosa rappresenta un'eccezione nel contesto locale. Tutto ciò ha tuttavia comportato anche impatti negativi, perché il boom del turismo balneare associato all'intensa attività edilizia ha ridotto il litorale maionese "ad un'uniforme, compatta ed anonima palizzata": questa è la critica portata avanti dai gruppi di ecologisti locali che citano il caso di Maiori come esempio della devastazione ambientale provocata da una politica territoriale improntata all'indifferenza e alla speculazione edilizia. A Maiori si è comunque registrato un vertiginoso aumento del numero di pernottamenti, che tra il 1965 e il 1988 sono passati da 28.000 a 206.000. Alla fine degli anni Ottanta Maiori aveva addirittura superato Amalfi, divenendo per numero di visitatori il vero fulcro del turismo in Costiera. A partire dagli anni Settanta hanno cominciato a diffondersi nuove tendenze. Ai centri più affollati hanno iniziato ad essere preferiti luoghi tranquilli e relativamente incontaminati, dove vivere esperienze il più lontano possibile dal turismo "di massa". È stata questa nuova ricerca a rendere possibile la scoperta di piccoli centri come Conca dei Marini e Praiano con le loro spiaggette isolate, o di comunità di montagna quali Scala e Furore, che fino ad allora erano rimaste ai margini degli itinerari turistici. Il crescente favore riscosso negli ultimi anni da questo tipo di vacanze è indicativo non solo delle nuove richieste avanzate dal mercato, ma anche di nuove opportunità che attendono di essere pienamente comprese e valorizzate. Il nome di Positano continua ad essere associato al cosiddetto turismo d'èlite, grazie alla presenza di personaggi celebri e soprattutto alla fama che la vita lussuosa e l'ambiente cosmopolita della località hanno meritato. Questo piccolo borgo dispone del maggior numero di posti letto già dal 1965 e ha da tempo scalzato Amalfi anche sotto il profilo del prestigio. La crescita del turismo e la sua diversificazione e segmentazione hanno comportato una redistribuzione dei punti di forza delle singole località. Amalfi ha ormai perso il suo primato a vantaggio di Positano - trasformatasi come si è detto da borgo di pescatori in località balneare di lusso - e di Ravello, rinomata sede dei concerti wagneriani; a Maiori confluiscono i turisti convogliati da agenzie di viaggio a buon mercato. Gli altri centri risultano ugualmente allettanti per la loro tranquillità e per un'offerta potenzialmente molto diversificata, che spazia dalle escursioni in montagna all'agriturismo, alla possibilità di visitare riserve naturalistiche. La varietà delle opzioni concentrate in uno spazio tanto piccolo contribuisce senz'altro a rendere la Costiera Amalfitana una delle regioni turistiche di maggior rilievo a livello europeo. Tutto ciò era già evidente ai giovani rampolli che all'epoca del Grand Tour giungevano qui per assaporare l'esperienza di un unicum, attratti e motivati non dalla balneazione ma piuttosto dall'aura in qualche modo magica di cui la Costiera era circondata. Il consumismo degli ultimi decenni, la massificazione del turismo, la pratica sempre più diffusa del "mordi e fuggi" assieme alla diffusione della motorizzazione ed alla ricerca di forme di divertimento dozzinali hanno portato allo snaturamento della storica immagine della Costiera e allo svilimento delle sue suggestioni paesaggistiche ed emotive. A partire dagli anni Sessanta il fenomeno turistico ha subito un'ulteriore evoluzione. È iniziato il massiccio afflusso delle auto e dei pullman e la Costa non ha retto l'urto della massa. La nuova industria del viaggio si integra sempre più con la logica del consumismo senza tenere conto dei danni apportati al patrimonio artistico, ambientale, paesaggistico. Evidentemente, tutto ciò non può che ledere la fama e l'immagine che la Costiera Amalfitana ha saputo costruirsi in almeno due secoli di storia turistica.

13 ottobre 2013 - La foto del giorno: Scogli Marina di Vietri sul Mare

 Agriturismo La Lobra, pochi chilometri dalla Costiera Amalfitana Albergo Ristorante Villa Lubrense, Massa Lubrense presso Sorrento Posides Travel, escursioni organizzate in Costiera Amalfitana, Penisola Sorrentina, Capri, Napoli, Caserta, Paestum e altre località della Campania

Blue Star Positano, cooperativa che fa servizio di noleggio
							 barche, servizio taxi di mare, gommoni, escursioni marittime lungo le coste della Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina Trekking in Costiera Amalfitana, escursioni lungo il Sentiero degli Dei Car Service Napoli Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina, convenzioni per gruppi sbarchi da crociere

Olio extravergine di oliva della Costiera Amalfitana Scopri i sapori della Costiera Amalfitana, Limoncello verace alla Ditta L'Alambicco


Contattateci a: elo10@libero.it per la Vostra pubblicità gratuita sul nostro portale

Hotel Residence Positano, Florida Residence:
L' Albergo Bed and Breakfast, tv, terrazzo panoramico in ogni camera, tv, aria condizionata e telefono. Solarium direttamente accessibile dalle camere e piccola piscina. Disponibilità Case vacanza.

"La Casetta tra i Limoni"  è ubicata ad Amalfi, in posizione panoramica sulla costa: immersa nel verde, tra le piante secolari di limoni e con una vista sublime e contemporaneamente vicinina al centro storico. Costruita nel 1700,  recentemente ristrutturata.

Residence Due Torri - Maiori
Situato in uno scenario naturale da sogno nel cuore della Costiera Amalfitana. Affaccia sul mare mentre immerso tra agrumeti e terrazze digradanti verso il mare i cui profumi evocano vacanze all'insegna del comfort e tranquillità.

Hotel Europa - Minori
Albergo ubicato in zona centrale a pochi passi dal mare. Dotato di parcheggio autonomo. Ampia sala Ristorante dall'ottima cucina.

Hotel Villa delle Palme - Positano
Albergo situato in zona centrale e facilmente accessibile con annesso il "Ristorante Saraceno D'Oro" convenzionato per i propri clienti. Camere dal fine arredo e vista sul mare.

"BEATA SOLITUDO" Camping Costiera Amalfitana
A ridosso di Amalfi, a 700 mt di altitudine a pochi minuti di auto dalla Costiera Amalfitana, sorge il complesso turistico "Beata Solitudo": Campeggio segnalato da tutte le più importanti guide turistiche, offre posti letto da Ostello, moderni Bungalows, Camper, e di recente lussuose camere di Hotel con tutti i comfort. Spazi comuni quali Sala pranzo, servizi vari e cucina.

Casa Vacanza "Il Rifugio degli Dei" Positano
Appartamenti vacanza che godono di un panorama meraviglioso ed affascinante, situati nella parte alta della località Arienzo sul sentiero che porta alla frazione di Nocelle. Moderni comfort.

Casa Vacanza "Il Sole di Fronte" Praiano
Appartamento ubicato in una antica villa caratteristica della Costiera Amalfitana con vista su giardini di agrumeti. L’appartamento dispone di un portico e di un balconcino con vista sul golfo di Positano

Casa Maria Cristina Appartamento per 4/5 persone al centro di Praiano, nel cuore della Costiera Amalfitana. Due camere matrimoniali, soggiorno più divano letto, cucina e bagno, ampio terrazzo con vista mare, su Positano e la Penisola Sorrentina con Capri e i Faraglioni all'orizzonte

"Calante Luna Relais"
Appartamenti Casa Vacanza a Praiano; dotati di Bagni privati con doccia, acqua calda e fredda, asciugacapelli; Televisori LCD a ricezione digitale; Cassaforte e armadi; Terrazzi privati dotati di docce esterne; Giardino ad uso comune con vasca idromassaggio; Letti aggiunti.

"Bellaria Relais" Bed and Breakfast in Costiera Amalfitana
Di recentissima ristrutturazione, sorge in collina appena all'ingresso della Costiera Amalfitana a pochi metri salla Strada Statale, rivolta verso il  mare e dall'ambiente rilassante

Casa Vacanza La Corallina, appartamento Positano
Appartamento con arredo ed elettrodomestici presso il molo della Spiaggia Grande di Positano, a due passi dal molo, servizi escursioni e gite in barca.

Bed and Breakfast Holiday House Gilda Positano:
Appartamenti casa vacanza con servizi alberghieri, situato in una incantevole ed invidiabile posizione, tra giardini ben curati, a più terrazze rivolte verso il mare. Accesso diretto attraverso delle scale, direttamente sulla spiaggia di Arienzo da dove un servizio navetta fa da spola per il centro.

Affittacamere Villa Maria Antonietta di Positano. La Pensione si trova al centro di Positano, in Piazza dei Mulini, a pochi passi dalla Spiaggia Grande e dal Bar Centrale. Camere con aria condizionata e vista panoramica su tutto il paese e naturalmente sul vicino mare.

Sereno Soggiorno Salesiano a Vico Equense, l'Albergo è immerso nel verde di un parco naturale con alberi secolari, la struttura dispone di 114 camere, tre sale meeting, due Chiese, campetto di calcio e sala giochi, sala tv, internet  wi-fi con ampia copertura.

Agriturismo Luna D'Agerola in  Costiera Amalfitana:
Camere con servizi e terrazzino panoramico vista mare, Ristorante dove si servono i propri prodotti tipici dei Monti Lattari.

Affittacamere con possibilità di BeB e ristorazione, oltre ad un servizio balneare della stessa gestione nella vicina spiaggia di Fornillo

Casa Celeste, Centrale Affittacamere di Positano in località Fornillo, abbinato alla stessa; uno stabilimento balneare con servizio di ristorazione.

Villa Sofia è un Bed and Breakfast con camere con più stanze che sono un appartamento, con terrazzo dalla superba vista sulla Costiera Amalfitana e Penisola Sorrentina, Sorrento, Capri e Faraglioni di Capri

Villa Sofia, Bed and Breakfast Positano, a 500 metri di altitudine dove si può ammirare le bellezze della costa, fino a Capri, da un luogo privilegiato, sul Sentiero degli Dei. Camere ampie che sono dei veri e propri appartamenti, arredo con gusto e armonia con la natura circostante.

Agriturismo e Bed and Breakfast tra Positano e Sorrento

Agriturismo Belvedere tra Positano e Sorrento, servizio di Bed and Breakfast in camere, o appartamenti. La struttura si trova in un ampio parco privato, dove si può usufruire di un maneggio per una cavalcata o si può passeggiare lungo sentieri interni al parco con luoghi dalla vista incantevole.

Hotel Paiano, Albergo Bar "Le Fioriere", moderna struttura elegante e accogliente per la Vostra vacanza al mare, dotato di camere con tutti i comfort, vista meravigliosa sulla baia di Positano da dove dista soli sette km e otto da Amalfi

Taxi e Autonoleggio Positano Cooperativa "Alternative Car Service: servizio Taxi e Autonoleggio, parco auto composto da Mercedes e auto Smart a due o quattro posti. la sede con garage e parco auto si trova presso il Parcheggio Mandara presso il centro di Positano
Agriturismo presso Sorrento e Costiera Amalfitana

Agriturismo Sorrento Una scelta di agriturismi e altre strutture ricettive tra la natura incontaminata della Penisola Sorrentina, i Monti Lattari tra Sorrento e Massa Lubrense e a pochi chilometri dalla Costiera Amalfitana

Vacanza Costiera Amalfitana, scegli il tuo alloggio a prezzi economici a Positano - Albergo Positano, elenco completo delle strutture turistiche hotel a prezzi economici, campeggio e appartamento
Scegli un Villaggio Albergo Hotel Appartamento per la tua vacanza - Se cerchi un Agriturismo Sorrento visita per le tue vacanze - Albergo Positano - info - informazioni Positano - pensioni affittacamere Positano - ristoranti - webcam - Vacanza in Hotel a Sorrento - Servizio corsi di lingue a Sorrento - prodotti tipici a Sorrento -
Hotel Positano servizi in Costiera Amalfitana e la Penisola Sorrentina - Parrucchiere Positano - Vacanza economica in Costiera Amalfitana, camping, ostelli e bungalow - Taxi Ru
Segui informazioni Sorrento area info - capodanno costiera amalfitana
capodanno Positano - Acquista il Limoncello della costiera - dentista
Vendesi appartamento Positano - Holiday Italy - Ristorante Sorrento "Da Michele" Massa Lubrense

Costiera Amalfitana

Il portale della Costiera Amalfitana in continua evoluzione

Informazioni turistiche, storia,  foto e vacanza sulla Costiera Amalfitana

Sito sulla Costiera Amalfitana, il sito è in continua evoluzione, potrete trovare di tutto, informazioni, storia di ogni singolo paese, curiosità, numeri di telefono utili e indicazioni. Aziende della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina, compreso Capri e Agerola, quest'ultimo paese considerato facente parte della costiera perchè geograficamente e storicamente ne fa parte. Рай на земле – Позитано - Avvocati in Costiera Amalfitana o operanti localmente